sabato 15 dicembre 2018
 
Home arrow Prodotti alimentari arrow Carne arrow Porchetta di Ariccia

Porchetta di Ariccia Stampa E-mail
porchetta_ariccia  

Porchetta di Ariccia

Ariccia è considerata la patria d’elezione del gustoso maialino allo spiedo e, nelle vie del centro, sono moltissime le bancarelle che vendono le fettine di porchetta con il classico pane casereccio.

C’è da chiedersi perché proprio ad Ariccia. Pare che la città in passato fosse circondata da boschi di querce e castagni, il cosiddetto “barco”, dove pascolavano branchi di suini bradi, di qui l’abitudine per gli abitanti di Ariccia di consumare carne di maiale allo spiedo.

In ogni caso sono molti i produttori di porchetta in città, tanto che si è formato un Consorzio di Tutela (Ariccia, piazzale Aldo Moro 1, tel. 06 9331719).

Il suino, giovane di 6, 7 mesi, è cucinato allo spiedo, aromatizzato con sale, pepe, aglio e finocchio selvatico. Ma la miscela di aromi e spezie varia da norcino a norcino.

Normalmente il maialino viene cotto intero e poi tagliato a fette vendute a peso ma esistono varianti più recenti.

Parti del suino, disossate e affettate, vengono farcite con aromi, legate a rollé e cucinate in porchetta.

Nonostante le apparenze, non è un piatto grasso, perché durante la cottura i grassi vengono sciolti dal calore.

Prelibata è la pelle, lucida e croccante. La porchetta, se è conservata in modo appropriato, rimane saporita e fragrante anche per alcuni giorni.

 

Focus On



(C) 2018 Happy