domenica 19 agosto 2018
 
Home arrow Vini e bevande arrow Vini arrow Vini DOC dei Castelli Romani

Vini DOC dei Castelli Romani Stampa E-mail
vino    

Vini Doc dei Castelli Romani

La zona dei Castelli Romani è sicuramente una delle aree protette italiane a maggior vocazione vitivinicola: bianchi, rosati e rossi, nelle tipologie secco, amabile, frizzante e novello (solo per il rosso).

Le denominazioni sono numerose e in parte si sovrappongono, in parte si escludono.

I vitigni consentiti sono la malvasia di Candia e puntinata, il trebbiano e altri sino a un massimo del 30% per i bianchi.

Per i rossi e i rosati sono leciti cesanese, merlot, montepulciano, nero buono e sangiovese.

Nei comuni di Frascati, Grottaferrata, Monteporzio Catone e parte di Montecompatri si ha la denominazione Frascati Bianco, che si ottiene da vitigni malvasia di Candia e trebbiano toscano, più altri consentiti sino a un massimo del 30%.

Nel territorio del comune di Marino e parte di quelli di Roma e Castel Gandolfo si ha la denominazione Marino, riservata ai bianchi ottenuti con malvasia di Candia, localmente detta malvasia rossa, trebbiano e malvasia del Lazio, localmente detta puntinata.

Nel territorio dei comuni di Ariccia, Albano e parte di Pomezia, Ardea, Castel Gandolfo e Lanuvio si ha la denominazione Colli Albani per bianchi ottenuti da malvasia di Candia, trebbiano e malvasia del Lazio.

Infine nel territorio di Colonna, Montecompatri, Zagarolo e Roccapriora si ha la Doc Montecompatri-Colonna per bianchi ottenuti da malvasia di Candia, trebbiano e in misura minore da bellone e bonvino.

Le  produzioni Doc, soprattutto dei bianchi, sono numerose e tutte abbastanza famose e, a queste si affiancano numerosi vini da tavola o vini Lazio Doc, che magari utilizzano altri vitigni, per lo più internazionali o innovativi.

E' difficile tracciare un quadro che in qualche modo riesca a caratterizzare questa produzione anche perchè in larga parte si tratta di una vitivinicoltura di grandi masse e grandi rese in vigna.

Per molte di queste denominazioni la dicitura “Superiore” è consentita semplicemente per i vini imbottigliati e tappati con il sughero; la pratica del vino sfuso è ancora dominante.

Ma anche in quest’area alcune aziende fanno vini di grande qualità, altre di eccellenza: la situazione climatica e la particolare composizione di questi terreni vulcanici lo consente.

Questo territorio ha tutte le carte in regola per diventare una delle aree emergenti della nuova vitivinicoltura italiana.

 

Focus On

Ditte segnalate



(C) 2018 Happy